SOSTIENI LE NOSTRI IDEE ED AIUTACI A PORTARE AVANTI I NOSTRI PROGETTI

asaec5x1000

Rendiconto ASAEC Associazione Antiestorsione Catanese Libero Grassi

rendiconto 1_2rendiconto 2_2

Bilancio di previsione esercizio 2016

bilancio previsione 2016

Bilancio consuntivo esercizio 2015

bilancio 2015

Relazione del Presidente sull’esercizio sociale anno 2015

relazione

Come sono stati spesi i soldi dei finanziamenti?

logo

Trascorsi ormai parecchi anni dalla distribuzione di finanziamenti milionari alle associazioni antimafia, l’ASAEC chiede di verificarne i risultati ponendo alcune domande.

Come sono stati spesi i finanziamenti comunitari elargiti alle associazioni con il PON sicurezza ?

Prima di stanziare e avallare nuovi finanziamenti è corretto verificare i risultati precedenti?

Perché le associazioni antimafia devono essere inondate da finanziamenti pubblici?

Quali spese devono sostenere per promuovere la cultura della legalità?

Le associazioni devono essere costituite da volontari o da mercenari?

ARRESTI ECCELLENTI, ARRESTI A TUTTO TONDO

logo

Alla luce delle due ultime operazioni, la ” Tax Free ” di Lunedi 8 Febbraio e l’odierna ” I Viceré’ “, rileviamo che le Forze dell’ Ordine e la Procura non soltanto non si arrendono dinanzi alle innumerevoli difficoltà ma anzi rilanciano con fermezza concludendo azioni straordinarie contro la mafia.

Avevamo nutrito sentimenti di seria preoccupazione per il trasferimento del Procuratore Salvi invece desideriamo chiedere al C.S.M. di voler confermare lo staff attuale che sta operando nel migliore dei modi, nell’interesse della collettività con grandissima professionalità. Le operazioni di questo calibro richiedono mezzi efficienti e persone molto capaci, per questo motivo ribadiamo la richiesta di voler concentrare ogni risorsa economica nei confronti di coloro che operano per contrastare il malaffare, evitando di inondare di soldi certe associazioni antimafia.

Molti sono i motivi di riflessione quale per esempio il fatto che a 25 anni dalla nascita delle associazioni antiestorsione, registriamo l’ennesima sconfitta dato che i commercianti continuano a pagare l’estorsione alla cosca dei Laudani senza pensare che esiste una via alternativa, la denuncia. Un altro motivo di riflessione e’ a proposito dell’arresto di un alto esponente delle istituzioni che si fa corrompere e vende la sua dignità e la sua anima in cambio di ricompense. Evidentemente se così stanno i fatti basta poco per scendere a patti con se stessi e vendere l’anima al diavolo.

L’altra riflessione è che una volta per corrompere un Ufficiale era necessario coinvolgere un mafioso che per mezzo dell’intimidazione convincesse l’integerrimo rappresentante dello Stato. Oggi la mafia dei colletti bianchi non ha più bisogno di servirsi dell’intimidazione per convincere qualcuno. La corruzione ha ampiamente preso il posto dell’intimidazione.

Una ultima riflessione è che per commettere certi crimini contro la società è necessario il consenso di tanta gente, tante pedine che si trovano al posto giusto, al momento giusto. Questo è il meccanismo antico ma sempre ben funzionante della massoneria.

Imprenditori senza scrupoli che evadono le tasse, professionisti senza scrupoli che organizzano le truffe e rappresentanti delle Istituzioni che si vendono per un piatto di minestra.

Noi non smetteremo mai di ringraziare la Magistratura e le Forze dell’Ordine per il costante ed efficace lavoro svolto ma continueremo sempre a ribadire con decisione a commercianti ed imprenditori che solo denunciando chi li estorce si ritorna a respirare il fresco profumo della libertà e, non di meno, non si alimenterà la crescita ed il rafforzamento delle attività controllate dalla mafia a scapito di quelle sane.

Audizione del dott. Attilio Bolzoni

Registrazione dell’audizione di Attilio Bolzoni alla Commissione Parlamentare Nazionale Antimafia sulla mafia dell’antimafia e sulla vicenda Montante

https://www.radioradicale.it/scheda/465520?i=3513952

( Roma, 2 Febbraio 2016 )attilio bolzoni

 

Mafia: Fava, Montante lasci incarichi. Anche da Confindustria, Squinzi intervenga.

Tv: Rai; conferenza stampa di presentazione di ''Cose Nostre''

“La sospensione di Antonello Montante da tutti i suoi incarichi istituzionali, a partire da quelli che ha conservato in Confindustria nazionale, è oggi un atto di decenza dovuto. L’indagine nei suoi confronti per concorso in associazione mafiosa, adesso formalizzata, è partita un anno fa senza che i vertici della sua associazione abbiano mai sentito l’urgenza di una parola preoccupata o dubbiosa. Ci auguriamo che il presidente Squinzi rilevi subito l’inopportunità’ di conservare l’incarico di responsabile per la legalità a un indagato per mafia”.
Lo dice il vicepresidente della commissione antimafia Claudio Fava.

( ANSA - 23 Gennaio 2016 )

Buone feste da ASAEC.

ecard_asaec.jpg