Irruzione e danneggiamento nelle segreteria politica di Claudio Fava

Augurandoci che quanto prima venga fatta luce sull’accaduto, condanniamo fermamente l’episodio qualunque ne sia la matrice. Il delicato lavoro svolto in questi anni dalla commissione antimafia regionale presieduta da Claudio Fava ha toccato tutti i settori più significativi dove si realizza quel connubio esplosivo di interessi tra mafia, politica ed imprenditoria. Si pensi al ciclo dei rifiuti o quello sulla sanità siciliana; al sistema di scioglimento per mafia dei comuni, all’inchiesta sul “sistema Montante” e quello sulla trattativa Stato – mafia. Un lavoro d’inchiesta scomodo, fastidioso, continuo e faticoso che pone al centro la ricerca della verità, attraverso un metodo che fra tutti fa più paura e provoca violente reazioni: far domande, per comprendere e trovare risposte. In questo clima insopportabilmente intimidatorio, non possiamo che sostenere il lavoro fin qui svolto, incoraggiandone altri in futuro.
Asaec Associazione Antiestorsione di Catania

https://www.lasicilia.it/cronaca/news/catania-irruzione-e-danneggiamento-nelle-segreteria-politica-di-claudio-fava-1463020/?fbclid=IwAR3A8JbD-xq-8o0oZbWHJIaJwBPN7l8jGudmwIPoLWby_rn8RxHWEwElUx4

Istituire una giornata nazionale contro racket nel nome di Libero Grassi

“Di giornate commemorative, targhe, medaglie, coppe e premi, siamo pieni e non servono a nulla se non fornire occasioni per improbabili passerelle dai multiformi utilizzi. La lotta al racket la si fa attraverso una incessante e capillare opera di sensibilizzazione alla denuncia;  la si fa socializzando modelli positivi di commercianti che dopo essersi opposti alla prepotenza mafiosa hanno raccontato la loro storia; la si fa applicando efficacemente gli strumenti legislativi a favore delle vittime del racket, troppo spesso rimasti inapplicati; la si fa attraverso una giustizia che assicuri in tempi ragionevoli il colpevole affinché sconti la sua pena; la si fa senza eroi attraverso la dedizione di quanti adempiono al loro dovere di cittadini.”
Asaec Associazione Antiestorsione di Catania

https://bit.ly/3F9IT6u

 

Benvenuto Monsignor Luigi Renna

Salutiamo e porgiamo il nostro benvenuto a Monsigor Luigi Renna nuovo arcivescovo metropolita di Catania. Con rinnovato spirito collaborativo, auspichiamo possano intraprendersi, quanto prima, quei “cammini virtuosi e condivisi” che possono essere argine alla straripante “questione morale” che dilaga della nostra città.

https://bit.ly/3HQCJd0

Un classico per ogni anno che comincia bene: il calendario ASAEC

Ecco i nuovi calendari Asaec 2022.
Stampati con i contributi del 5*1000, sono in distribuzione per tutti coloro che li volessero così anche da cogliere l’opportunità di trasmettere un messaggio di sensibilizzazione nella lotta al racket ed all’usura.

WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.55.35

Gli auguri di ASAEC per il 2022

L’anno che si è appena concluso ha segnato un momento importante per l’azione associativa che svolgiamo sul territorio.
Il 2021 è stato l’anno in cui abbiamo celebrato i nostri 30 anni, attraverso un percorso condiviso dove abbiamo tentato di raccogliere e raccontare le testimonianze di quanti hanno trovato il coraggio di denunciare e di altri che nel 1991 hanno fondato l’Asaec.
Diverse le tappe che hanno contraddistinto quest’anno appena concluso.
La creazione di una sede, una bottega su strada, luogo che custodisce l’archivio storico attestante la nostra attività trentennale e dove abbiamo potuto accogliere le tante persone che ci hanno contattato.
A luglio il dibattito pubblico sui beni confiscati, momento di riflessione e di denuncia sulla gestione dei beni confiscati.
Ed ancora, l’intervenuta modifica statutaria che ci permetterà di porre al centro della nostra attività sociale anche il contrasto ai fenomeni corruttivi e collusivi attraverso i quali si manifesta l’attività estorsiva.
Tre, sono state, le costituzione di parte civile nei processi per estorsione ed usura, perseguendo la continua opera di affiancamento dei commercianti che accompagniamo alla denuncia.
E poi, gli importanti incontri con gli studenti dei licei, delle scuole medie e delle elementari dove abbiamo portato la testimonianza delle vittime; l’attività di sensibilizzazione ha segnato un momento importanti con l’affissione del decalogo antiracket presso ogni stazione della metropolitana di Catania; le incessanti collaborazioni con le forze dell’ordine che con professionalità seguono i diversi casi.
Tanto è stato fatto ma tanto rimane ancora da fare e lo faremo con dedizione, convinzione e coraggio senza mai abbandonarci a facili pregiudizi, riconoscendo, nella via della legalità l’unica possibile.
L’anno che sta per iniziare dovrà necessariamente segnare anche l’avvio di una stagione di ricambio affinché l’associazione possa trovare continuo nutrimento nelle nuove generazioni, così da augurarle altri anni di attivismo sociale.
Nella speranza di poterci rivedere e soprattutto, riabbracciare tutti auguriamo a tutti buon anno nuovo.

WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.55.01

La notte dopo l’udienza del processo Santapaola incendiata l’auto delle vittime

Non arretreremo di un millimetro e staremo a fianco di chi ha avuto il coraggio, la forza e la dignità di denunciare. Oggi pomeriggio saremo in negozio, uniti ed in tanti, respingendo ogni forma di intimidazione! Denunciate!
Questo é una vicenda che noi dell’Asaec seguiamo da anni e per la quale è stata accettata la nostra costituzione di parte civile al processo. Sosteniamo Lucy che, picchiata dai suoi estortori anche quando era incinta, ha deciso di denunciare. Vi chiediamo, anche a livello individuale, di presenziare con noi alle udienze per dare forza a Lucy e per dimostrare alla città e alla criminalità organizzata che Lucy non è sola, che la città è con lei. Vi segnaleremo le udienze e vi prego di partecipare, soprattutto quando Lucy e i suoi familiari dovranno testimoniare, ma non da soli!
https://bit.ly/31WBDxo

30 ANNI DELLA DIA La tensione che si sprigiona guardando i resti della Quarto Savona 15, l’auto di scorta al Giudice Falcone, sulla quale viaggiavano Antonio Montinaro, Rocco Di Cillo e Vito Schifani, è enorme. Osservandola, attoniti, silenziosi sembra ripercorrere quei momenti e sentire il fragore del tritolo esploso, la puzza di bruciato.
L’istallazione segue le iniziative in occasione delle celebrazioni per i 30 anni della Dia, direzione investigativa antimafia, nata da un intuizione del Giudice Falcone.
Potete trovarla in piazza Teatro Massimo a Catania.
WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.54.12

WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.54.12 (1)

WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.54.13

ASAEC all’IIS “Marconi – Mangano” di Catania

Alcuni momenti dell’incontro di stamattina con alcune classi dell’IIS “Marconi – Mangano” di Catania. Con la vibrante testimonianza di Saro Barchitta, imprenditore di Scordia che si è ribellato al pizzo, il racconto di altre storie che abbiamo seguito e la descrizione delle attività di sensibilizzazione che portiamo avanti , abbiamo cercato di lanciare un seme di speranza, perchè denunciare conviene, sempre!. L’impegno continua

WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.52.21 (1)

WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.52.21 (2)

WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.52.21 (3)

Ecco il decalogo antiracket ASAEC

Eccoli! In ogni stazione della metro di Catania, in entrambe le banchine, sarà esposto il decalogo antiracket, informazioni utili per incoraggiare a denunciare pizzo ed usura. Oggi eravamo in metro con alcuni soci che con la loro presenza hanno voluto testimoniare il loro contributo a questa iniziativa, divenendo parte attiva di questa battaglia.
Nelle foto, il direttore della Ferrovia Circumetnea – Metropolitana di Catania, ing. Fiore, il presidente di sezione della Corte dei Conti e presidente del collegio dei sindaci di FCE dott. Marco Puzzato.

WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.51.16

WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.51.17

WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.51.17 (1)

WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.51.17 (2)

WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.51.18

WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.51.18 (1)

WhatsApp Image 2022-01-28 at 19.51.18 (2)

 

Metropolitana, in ogni stazione vi sarà il “decalogo antiracket” dell’associazione Asaec

Dalle parole ai fatti. L’impegno continua.
Dopo il convegno di una settimana fa che ha denunciato i numeri in calo delle denunce per estorsione ed usura, ecco un’attività che sensibilizza alla pratica della denuncia.
Venerdì 19 alle ore 15.30 presso la stazione Giovanni XXIII della metro.
Grazie alla collaborazione con Ferrovia Circumetnea – Metropolitana di Catania verranno installati, in ogni stazione della metropolitana di Catania, i pannelli espositivi con un “Decalogo antiracket”.

https://bit.ly/3nqsLYC

https://bit.ly/30uAb43