ASAEC: trent’anni di antiracket a Catania.

invito asaec

Eccoci, finalmente!
L’impegno continua.
Si alterneranno momenti di riflessione sulla lotta al racket a video proiezioni storico documentali, con le quali si proverà a raccontare trent’anni di attivismo antiracket.
Dopo i saluti del Prefetto di Catania, dott.ssa Maria Carmela Librizzi, e la proiezione della cronostoria che si muoverà dal 1991 fino ai giorni nostri, sarà il momento della tavola rotonda alla quale si alterneranno la dott.ssa Giovanna Cagliostro, Commissario Nazionale Antiracket, il dott. Roberto Di Bella, Presidente Tribunale dei Minorenni ed il dott. Carmelo Zuccaro, Procuratore della Repubblica di Catania.
Al termine, dopo il breve contributo video dei soci fondatori, vi saranno gli interventi di alcuni rappresentanti di enti ed associazioni del territorio, che renderanno una breve testimonianza del loro impegno socio-culturale, tra i quali il Prof. Salvatore Resca, Presidente CittàInsieme Catania , la prof.ssa Adriana Cantaro docente lettere Liceo Spedalieri, il prof. Giuseppe Adernò, già Preside dell’Istituto Parini e presidente Ancri Catania nonchè la dott.ssa Floriana Franceschini, presidente CNA Catania.

WhatsApp Image 2021-11-06 at 10.11.29

Un bel gesto di solidarietà che lancia un messaggio di speranza in un momento difficile.
Una pioggia di uova freschissime (circa 600) oggi sono state donate e distribuite al Centro Astalli Catania, all’ Oratorio Giovanni Paolo II, Librino-Catania ed alla Locanda del Samaritano.
Un giovane socio dell’Asaec, dopo aver coraggiosamente denunciato e con l’aiuto finanziario dello Stato, ha costruito un allevamento di “galline felici” rescindendo ogni legame con il passato.
Ne parlano qui: https://bit.ly/3pcbYK3

WhatsApp Image 2021-11-06 at 10.10.13

Sempre al fianco di chi denuncia!

La forza di una giovane donna che ha deciso di ribellarsi ai suoi estortori.
La notizia di oggi è il rinvio a giudizio per estorsione, aggravata dal metodo mafioso nei confronti di diversi soggetti.
La denuncia partì da una giovane donna che ci contattò qualche anno fa.
Voleva rompere con il passato, ribellarsi e denunciare.
Non è stato facile, soprattutto per le violenze subite; ma dopo le indagini condotte, finalmente si è arrivati ad incriminazioni ben precise.
Noi continueremo a stare a fianco di questa donna che con coraggio e dignità ha difeso la propria famiglia, non abbassando mai la testa.

WhatsApp Image 2021-11-06 at 10.09.19

L’ASAEC su S

SuWhatsApp Image 2021-11-06 at 10.08.22 S il mensile siciliano d’inchiesta di questo mese un nostro contributo all’articolo di Rosario Sardella che racconta ed analizza come la fallimentare gestione dei beni confiscati si intrecci con una rampante antimafia di facciata che, da Montante alla Saguto, ha raccolto parecchi consensi a discapito di una seria lotta collettiva e sociale del fenomeno mafioso.
In Sicilia, tutto è molto più complesso di quanto possa apparire e se non si approfondiscono dinamiche e storie non si riusciranno mai a distinguere i volti dalle maschere.
Buona lettura.

30 anni di ASAEC. Si comincia…

Iniziate le riprese per i trent’anni dell’ASAEC Associazione Antiestorsione di Catania.
Le parole dei soci fondatori, di chi si è avvicinato nel corso degli anni, di chi si è ribellato, raccontano una bella pagina della  storia catanese che si è ribellata all’oppressione mafiosa.
E siamo solo all’inizio…

WhatsApp Image 2021-11-06 at 10.06.04

WhatsApp Image 2021-11-06 at 10.06.05

WhatsApp Image 2021-11-06 at 10.06.05 (1)

WhatsApp Image 2021-11-06 at 10.07.30

WhatsApp Image 2021-11-06 at 10.07.30 (1)

WhatsApp Image 2021-11-06 at 10.07.31

WhatsApp Image 2021-11-06 at 10.07.31 (1)

Maria Grazia Cutuli è sempre viva!

Stamattina abbiamo avuto il piacere di ospitare e condividere un momento di ricordo in memoria Maria Grazia Cutuli, giornalista uccisa in Afghanistan 20 anni fa.
L’incontro, volutamente sobrio ed informale, è stato organizzato dal Odg Sicilia ed alla presenza dei giornalisti Giulio Francese, Felice Cavallaro e Concetto Mannisi che hanno consegnato un attestato alla famiglia Cutuli presente

WhatsApp Image 2021-08-24 at 10.15.32 (1)

WhatsApp Image 2021-08-24 at 10.15.32 (3)

WhatsApp Image 2021-08-24 at 10.15.32 (5)

WhatsApp Image 2021-08-24 at 10.15.33

I SOCI RACCONTANO

Il video del convegno sui beni confiscati

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.52

Le foto del convegno

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.32 (1)

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.32

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.33 (1)

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.33 (2)

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.33

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.34 (1)

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.34 (2)

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.34

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.35 (1)

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.35 (2)

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.35

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.36

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.37 (2)

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.37 (3)

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.37

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.38 (1)

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.38

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.39 (2)

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.39

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.40 (1)

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.40

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.41

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.42 (1)

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.42

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.43

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.44

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.45

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.46

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.47

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.48

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.49

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.51

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.52

WhatsApp Image 2021-07-13 at 19.03.53

 

Labirinto tra responsabilità diffuse e opportunità mancate.

Ecco il primo di una serie di incontri tematici attraverso i quali intendiamo celebrare i nostri trent’anni di attività associativa.
Questo venerdì 9 luglio alle ore 10.30 presso Palazzo Fortuna – Corso delle Province 36 – sede distaccata del Dipartimento Economia e Impresa, in collaborazione con l’Università di Catania, abbiamo organizzato un dibattito dal titolo: “beni confiscati: Labirinto tra responsabilità diffuse e opportunità mancate. Quali prospettive?”
Dopo i saluti del rettore Francesco Priolo e del direttore di dipartimento Roberto Cellini, interverranno: Carmelo Zuccaro, procuratore della Repubblica di Catania; Bruno Corda, direttore dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata; Claudio Fava, presidente della Commissione regionale d’inchiesta e vigilanza sul fenomeno della mafia e della corruzione in Sicilia; Maurizio Caserta, docente ordinario di Economia Politica a Unict; Nicola Grassi, presidente Asaec. Modera la giornalista, direttrice della testata MeridioNews, Claudia Campese.
Un incontro centrato sull’annosa questione della gestione dei beni confiscati, delle ulteriori criticità emerse, raccolte e denunciate anche in occasione della partecipazione al bando dell’Agenzia Nazionale dei beni Confiscati e Sequestrati.
Un importante momento di confronto, il quale partendo dal lavoro d’inchiesta della Commissione regionale Antimafia e dall’indagine sull’impatto delle riassegnazioni dei beni confiscati sull’economia e la politica del territorio sviluppata dal dipartimento di Economia dell’Università, aspira a sensibilizzare e coinvolgere, da un lato, la comunità alla salvaguardia e valorizzazione dei beni confiscati quali beni comuni; dall’altro, le istituzioni che delle istanze e sollecitazioni provenienti dalle associazioni e dalla società, possano farsi carico in una comune e strategica collaborazione, realizzando, così, quella valorizzazione dei beni confiscati, quale modello di opportunità e reale strumento di riqualificazione sociale e culturale dei territori.