Archivio: Comunicati

COMUNICATO

L’associazione Asaec Antiestorsione di Catania esprime solidarietà alla giornalista Fabiola Foti per l’intollerabile gesto intimidatorio.
Proprio il 14 dicembre u.s. organizzammo un incontro su “Giornalisti in terre di mafia” e di quanto, nel ricercare e raccontare la verità, fosse difficile svolgere questa importante professione.

https://lurlo.news/devo-stare-zitta/

“Paolo n’avi assai”

Abbiamo ospitato Paolo appena un mese fa, nel corso di un incontro dibattito sulla violenza mafiosa esercitata sui giornalisti che raccontano le mafie. Oggi apprendiamo dell’ennesimo vile atto intimidatorio. Siamo uniti ed a fianco di Paolo Borrometi!

https://www.laspia.it/picca-nai-no-paolo-navi-assai/?fbclid=IwAR2LMJ3ypJ4HNmMoKmjfefEDJlJQTE2xkCKEq59ExcEhnsWpQ7DUINbsGAg

COMUNICATO

Appena conclusosi l’incontro in prefettura tra una delegazione dell’associazione Asaec Antiestorsione di Catania ed il Prefetto di Catania Claudio Sammartino. Tanti i temi trattati e le criticità individuate e da risolvere.

COMUNICATO

Un brevissimo resoconto dell’audizione del 15 gennaio 2019 in commissione antimafia regionale: “… è stata l’occasione non soltanto per riportare le nostre denunce dentro questo palazzo, ma anche per fornire un elenco di nominativi di nostri soci disposti a testimoniare la loro esperienza, ma anche i punti critici rispetto al fenomeno della mafia rurale.

 

https://meridionews.it/articolo/73457/mafia-rurale-allars-la-denuncia-dellantiracket-sulletna-pascoli-abusivi-per-occupare-le-terre/?fbclid=IwAR02i4lj0Mn0dlCp8cSV7tmxnEImivMqymtNUz1FdoSLOz7gQwqaOfc6DPk

COMUNICATO

Le associzioni AS.A.E.C. (Antiestorsione di Catania) e A.I.A.B. (Associzione Italiana Agricoltura Biologica sezione Sicilia) sostengono e sono solidali con il sindaco di Troina Fabio Venezia.
Da tempo si denuncia – a tutti i livelli istituzionali – il grande e complesso fenomeno della “Mafia Rurale” che impedisce un corretto sviluppo delle dinamiche economiche e sociali, comprimendo la libertà di molti giovani imprenditori agricoli.
A tal proposito il 23 agosto u.s. l’ Asaec Antiestorsione Di Catania ha depositato un esposto circostanziato alla Procura della Repubblica di Catania ed il 15 gennaio sarà audita in commissione antimafia regionale anche su questo tema.
Non ci fermiamo e lottiamo per una terra libera!

 

https://meridionews.it/articolo/73118/nebrodi-la-denuncia-del-sindaco-sotto-scorta-qui-ce-in-corso-un-nuovo-attacco-allo-stato/?fbclid=IwAR0pfvI_-rR1sFXQTxuni4Es_dg5QlIE6Udgmv3__towuzBbx5quCnyRXJ8

COMUNICATO

Solidarietà alla redazione di Meridionews ed ai giornalisti per le loro coraggiose inchieste.

https://catania.meridionews.it/articolo/73156/lappello-di-meridionews-al-neomelodico-niko-pandetta-impari-il-nostro-nome-e-ci-aiuti-a-trovare-il-bombolaio/?fbclid=IwAR2Fzbi15PdN3wpgTGlTXLl-BR1f2G7BMYeFfS_Q_N9cO7j3GGWA3CO-mbo

COMUNICATO

La nuova Legge di Bilancio n. 145/2018 particolari deroghe al codice degli appalti. Nello specifico, si stabilisce che: “Nelle more di una complessiva revisione del codice dei contratti pubblici, di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, fino al 31 dicembre 2019, le stazioni appaltanti, in deroga all’articolo 36, comma 2, del medesimo codice, possono procedere all’affidamento di lavori di importo pari o superiore a 40.000 euro e inferiore a 150.000 euro mediante affidamento diretto previa consultazione, ove esistenti, di tre operatori economici e mediante le procedure di cui al comma 2, lettera b), del medesimo articolo 36 per i lavori di importo pari o superiore a 150.000 euro e inferiore a 350.000 euro”.
In concreto, fino a 150.000 mila Euro non verrà espletata nessuna gara d’appalto, nessuna procedura pubblica, ma soltanto un affidamento diretto da parte della stazione appaltante.
Ora, anche alle luce delle recenti relazioni della Dia (l’ultima del semestre del 2017) dalle quali emerge chiaramente come le organizzazioni criminali ricercano gli affari attraverso meccanismi corruttivi – collusivi, riteniamo come associazione Asaec Antiestorsione Di Catania – anche sulla scorta di quanto dichiarato dal Presidente dell’Anac Raffaele Cantone – che questo rappresenti una pericolosa apertura verso operazioni clientelari che possano rappresentare un danno enorme per gli imprenditori onesti e per i cittadini che dalla gestione della cosa pubblica si aspettano efficienza, correttezza e trasparenza nelle procedure di assegnazione che premino i migliori e non gli amici.
Sarebbe necessario, invece, mantenendo e garantendo trasparenza ed efficienza, velocizzare le procedure degli appalti aumentando il personale ad esso dedicato, digitalizzando il procedimento ed offrendo tempi certi e rapidi nell’espletamento della gara.

https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/meno-gare-meno-concorrenza-e-aumenta-il-rischio-mazzette/?fbclid=IwAR3kBH0xduxnF0J_hHRbewEc2zKwmAwaUSuUVSpIkrCxPp9F8Lp8d5DMycU

 

https://www.facebook.com/stefanofeltri.ilfattoquotidiano/?__tn__=HHH-R&eid=ARCkv6nW57ur7c3r0qpCDgNWHj1SLDbPdEQyRFlgX1192-_JvR5YQzkH4_urszyYGYyJ0hKnwK4Yt2v9&__xts__[0]=68.ARD3BBE_8QXqy-yR_dkaG80BLcXy39i3LMViaipe-W7M4bRi_Ascfkfa73AlahIEYOwcLKS1zFFCa_dYqextrd2zNJAcFZCS3nLi_tivbT2r6T4T-8A5ppB_ffRV32XlG57GLPlkAnxXtJp3DB_NEcx8dKoLcq6zFd6Do44zgndYZlLN55bvmcUrk79TViftUS8BRDG-uGcso_Y

COMUNICATO

No ai finanziamenti pubblici alle associazioni antiracket!
Ieri in Ars è stato presentato un emendamento alla finanziaria – poi fortunatamente respinto – che prevedeva un aumento consistente del finanziamento alle associazioni antiracket.
Da anni come associazione Asaec Antiestorsione Di Catania abbiamo denunciamo questo fiume di denaro pubblico che viene elargito all’antimafia e che poco o nulla ha prodotto se non scandali e corruzione.
Piuttosto abbiamo sempre suggerito che queste risorse pubbliche vengano destinati a rafforzare gli sportelli antiracket della Prefettura – già in affanno – così da renderli più efficienti, agli uffici antiracket ed antiusura presenti all’interno delle forze dell’ordine, alle politiche sociali volte all’aumento dell’occupazione e dal sostegno alle fasce più deboli.
Siamo pronti a presentare alle forze politiche, sensibili al tema e disponibili all’ascolto, un modello di antiracket che non attinga a finanze pubbliche ma che si sostenga solo ed esclusivamente su contributi privati.

COMUNICATO

Oggi il consiglio direttivo dell’associazione Asaec Antiestorsione di Catania ha deliberato l’ingresso di tre nuovi soci: il signor Tonino Torrisi imprenditore, il signor Francesco Capizzi imprenditore agricolo ed il professor Maurizio Caserta ordinario di economia politica presso Università di Catania Nel dar loro il benvenuto, auguriamo di poter contribuire alla crescita dell’associazione con nuove idee e nuove iniziative.

COMUNICATO

Il 24 dicembre u.s. è stato convocato presso la Prefettura di Catania il comitato per l’ordine e la sicurezza dopo l’ennessima denuncia pubblica lanciata da Massimo Villardita.
All’incontro erano presenti, oltre al Prefetto Caludio Sammartino, i rappresentanti delle forze dell’ordine e del 118, anche Nicola Grassi presidente Asaec Antiestorsione Di Catania e lo stesso Villardita della cui associazione è socio.
Dopo un breve confronto il Comitato ha deliberato l’istallazione di telecamere in via Montesano ed il potenziamento nelle zone limitrofe, oltre ad un maggiore pattugliamento della zona.

WhatsApp Image 2018-12-27 at 20.40.56

WhatsApp Image 2018-12-27 at 20.41.55

WhatsApp Image 2018-12-27 at 20.41.55(1)