L’obiettivo è stimolare la cittadinanza attiva

Dopo mesi di chiusura, abbiamo ricominciato gli incontri con gli studenti.
E’ stato un momento importante, carico di emozione ed aspettative.
I ragazzi della III e IV C del liceo Spedalieri, suddivisi tra la nostra sede in via Filocomo ed Il Giardino di Scidà – Bene confiscato alla mafia, che ringraziamo per la collaborazione e l’ospitalità, hanno ascoltato e partecipato con giochi di cittadinanza attiva (qui l’articolo➡).
I prossimi incontri: mercoledì 3 marzo in collaborazione con la Fondazione Antonio Presti – Fiumara d’Arte e l’AMT di Catania, visita delle opere monumentali di Librino (Porta della bellezza, Cantico delle Creature) e la nuova Porta delle Farfalle.
venerdì 19 marzo 2021: incontro con Claudio Fava presidente della Commissione regionale Antimafia che analizzerà la relazione d’inchiesta sui beni confiscati e il prof. @Maurizio Caserta che esporrà il valore economico-finanziario e sociale di un bene confiscato affidato alle associazioni.
aprile 2021: elaborazione da parte di studenti e studentesse del liceo Spedalieri di un progetto su un bene confiscato a Catania.
http://bit.ly/3smvBNQ

La relazione d’inchiesta sui beni confiscati.

Eccola, la relazione d’inchiesta sui beni confiscati realizzata dalla Commissione antimafia regionale guidata da Claudio Fava e approvata proprio ieri. Centonovanta pagine da leggere per capire come, tra responsabilità diffuse, inerzia, sciatteria e rassegnazione, il sistema di riassegnazione alla comunità di beni sottratti alla criminalità organizzata, sia fermo al momento repressivo (sequestro e confisca) e non riesce a compiersi quel “circuito di legalità” che rappresenta il momento di arricchimento collettivo sociale e la definitiva sconfitta della mafia.

http://bit.ly/3jTLCrM

WhatsApp Image 2021-03-05 at 20.35.26

Da 30 anni il pizzo ve lo diamo noi …

Questo l’articolo apparso ieri su “La Sicilia” dove, attraverso un’intervista al presidente Nicola Grassi, i racconti dei soci Giovanni Bonanno, Alfio Furnari e Costa e parole chiave come “pizzo, usura”, “contrasto alla condotte collusive corruttive”, “nuova sede”, “servizio civile” e “beni confiscatiti”, raccontiamo i nostri primi 30 anni,  progettando i prossimi trenta.

WhatsApp Image 2021-03-05 at 20.33.05

“Gli effetti si vedranno tra anni”

Un’intervista su usura, racket ed il mondo dell’antiracket. Abbiamo cercato di fornire un quadro ragionato al complesso fenomeno dell’usura che sta emergendo in questo periodo. la crisi finanziaria “da Covid” sta facendo emergere casi di usura nati ben prima della pandemia. Di quelli nati sotto pandemia ne avremo riscontro fra qualche tempo.

 

Denunciate!

Stamattina al nucleo di polizia economico – finanziaria per denunciare ennesimo caso di usura.
L’accompagnamento delle vittime è una delle attività più delicate.
Il lockdown e la crisi di liquidità, sta facendo emergere vecchie forme di strozzinaggio che ora si è disposti a denunciare.
È un aspetto importante che non va sottovalutato.
Denunciate!

WhatsApp Image 2021-03-05 at 20.14.03

Ecco la nuova sede!

Finita!

Piccola, modesta, l’abbiamo pensata quale luogo di ascolto ed accoglienza ma anche archivio che custodisce 30 anni di attività e storia di Catania.
Costruita con l’aiuto dei soci che hanno contribuito, ciascuno secondo le proprie possibilità, sarà luogo per progettare i prossimi 30 anni.
In attesa dell’inaugurazione, rinviata a tempi migliori, oggi ci siamo ritrovati in pochi per un veloce saluto, attenti al rispetto delle misure di prevenzione anticovid.

WhatsApp Image 2021-03-05 at 20.08.51 (2)

WhatsApp Image 2021-03-05 at 20.08.50

WhatsApp Image 2021-03-05 at 20.08.51 (1)

WhatsApp Image 2021-03-05 at 20.08.51

WhatsApp Image 2021-03-05 at 20.08.52 (1)

WhatsApp Image 2021-03-05 at 20.08.52 (2)

WhatsApp Image 2021-03-05 at 20.08.52

WhatsApp Image 2021-03-05 at 20.08.53

Denunciare conviene, sempre!

La più bella notizia del giorno! Denunciare conviene, sempre!
Questo mazzo di chiavi in foto, inviataci da una persona che abbiamo seguito, vittima di violenza e prevaricazione, rappresenta il segno tangibile che la perseveranza paga, sempre.
Tanti momenti di sconforto nei quali vi è stata la tentazione di mollare tutto, seguiti, poi, dalla tenacia e determinazione di tutti Noi nel perseguire l’obiettivo.
Dalla denuncia – che ti ha reso libero e non più schiavo – e poi il processo, conclusosi in breve tempo e poi, ancora, la procedura per accedere al Fondo nazionale che ti ha fornito questa grande opportunità di ricostruire la tua vita seguendo un tuo sogno.
Siamo orgogliosi di te, siamo felici che il nostro cammino si sia incrociato al tuo perchè in questo scambio, ognuno di noi ha imparato qualcosa. Insieme si vince!
Non ci siamo e continueremo ad esserci!

WhatsApp Image 2021-01-17 at 12.31.53

NON HO PAURA E NON PAGO IL PIZZO!

Trent’anni fa la pubblica denuncia di Libero Grassi.
Trent’anni fa iniziavamo a muovere i nostri primi passi.
Dopo trent’anni siamo ancora qui pronti ad aiutare, pronti a denunciare insieme.
Un gruppo di commercianti, imprenditori ed artigiani catanesi che non si erano piegati al pizzo si riunirono per aiutare chi era in difficoltà, lo facciamo ancora, sempre più convinti.

WhatsApp Image 2021-01-17 at 12.29.58

Ricordando Pippo Fava, lavorando.

Seconda giornata di dibattito pubblico sui beni confiscati “Ricordando Pippo Fava, lavorando” organizzata da I Siciliani giovani.
Oggi pomeriggio si parlerà del “caso di Palagonia” e delle proposte di valorizzazione del bene e dei suoi prodotti.

https://www.youtube.com/watch?v=JuB2ps1Af_I&t=61s

Auguri e buon anno a tutti!

Il 2021 sarà l’anno dei nostri 30 anni. Molte le storie da raccontare, tanti i progetti per il futuro.
Ogni giorno sarà quello giusto per denunciare.
È questo il messaggio che vogliamo comunicare con il calendario 2021. Anno che celebra 30 anni di attività trascorsi a fianco di chi denuncia, a difesa della legalità in questo tormentato territorio.
Stampato grazie alle donazioni del 5 x 1000, siamo felici di poterlo regalare a chi vorrà esporlo nelle proprie attività commerciali.
Un messaggio chiaro per dire che insieme possiamo farcela a sconfiggere le mafie. WhatsApp Image 2021-01-17 at 12.21.59

WhatsApp Image 2021-01-17 at 12.21.59 (1)